La storia

Oliviero, autore principale delle riprese, è da sempre appassionato di fotografia. Tra i primi Anni Quaranta alla metà degli Anni Cinquanta filma splendidamente la sua famiglia con un gusto estetico non comune, utilizzando una cinepresa 16mm di buonissima qualità, forse una di quelle messe a disposizione dall’Istituto Istologico in cui lavorava. Proprio lì e in quegli anni stava portando avanti degli studi sulle cellule con l’ausilio di dispositivi fotografici e filmici collegati a microscopi.

1940 – Dalla finestra
1940 – Nevicatà in città
1940 – Il laboratorio
1940 – Eletta
1941 – All’asilo con la maestra Davià
1942 – Dolomiti
1942 – La scalata
1955 – Ca du Pin

1940 – Dalla finestra


Oliviero filma la città di Bologna e i suoi abitanti dalla finestra della sua casa di via Mazzini 87, all’incrocio con via Pelagio Palagi.

1940 – Nevicatà in città


Via Mazzini sotto una copiosa nevicata. Dalla finestra di casa sua, Oliviero filma i tetti imbiancati e i passanti con gli ombrelli.

1940 – Il laboratorio


Via Mazzini sotto una copiosa nevicata. Dalla finestra di casa sua, Oliviero filma i tetti imbiancati e i passanti con gli ombrelli.

1940 – Eletta


Bellissimo ritratto di Eletta mentre cura la sua collezione di piante grasse.

1941 – All’asilo con la maestra Davià


Chiara e i suoi compagni con la maestra Davià. Di formazione montessoriana, la maestra Davià sarà nel dopoguerra anche l’insegnante di Paola, la minore delle figlie degli Olivo, che frequenterà la sezione Montessori delle scuole Ercolani. Dopo un periodo di iniziale appoggio da parte di Mussolini, L’Opera Montessori e le scuole che ad essa si ispiravano erano state chiuse dal Regime all’inizio degli Anni Trenta in quanto considerate antagoniste all’educazione fascista.

1942 – Dolomiti


Oliviero coglie l’occasione della passeggiata con la famiglia per filmare le amate Dolomiti bellunesi: si riconoscono vedute di San Vito in Cadore e del Monte Antelao.

1942 – La scalata


Oliviero, assieme ad altri amici, prosegue la scalata verso il Monte Antelao. Tra di loro anche il piccolo Franco che viene assicurato con una corda all’uomo che gli cammina davanti.

1955 – Ca du Pin


Nelle uniche riprese a colori del fondo, bandiere italiana e CNGEI sventolano davanti al Golfo Paradiso mentre il campo scout è ormai definitivamente allestito. Il luogo delle riprese è la Ca du Pin, casa di caccia lasciata in eredità alla sezione CNGEI locale ed ancora oggi sede di campi scout.

UNA FAMIGLIA MODERNAin famiglia

Oliviero e Eletta si erano conosciuti a Torino all’epoca in cui entrambi facevano parte del gruppo di ricerca del prof. Giuseppe Levi, maestro anche dei Premi Nobel Rita Levi Montalcini e Renato Dulbecco. Anche dopo il loro trasferimento a Bologna, i due erano rimasti molto in contatto con l’ambiente intellettuale torinese, tanto che Oliviero viene citato da Natalia Ginzburg, figlia di Levi, in Lessico Famigliare. Una volta giunti a Bologna, Eletta, impossibilitata ad esercitare la professione di ricercatrice a causa del ruolo del marito, si dedica alla famiglia, 

che nel frattempo si allarga con la nascita dei figli Franco, Chiara e Paola. Donna colta, intelligente e decisamente moderna, sostenitrice del metodo montessoriano anche negli anni in cui era stato messo al bando dal regime fascista, nel dopoguerra sarà tra gli animatori della sezione bolognese dell’Opera Montessori. Nello stesso periodo si appassiona anche allo scoutismo, divenendo una delle dirigenti del CNGEI, l’Associazione degli Scout laici. Prenderà inoltre parte attiva alle attività della sede bolognese dell’UDI, Unione Donne Italiane.

IN CADOREin montagna 

Stabilitisi definitivamente a Bologna già dai primi anni Trenta, gli Olivo rimangono sempre molto legata al Cadore, luogo di origine della famiglia. Qui Antonio, il padre di Oliviero, aveva costruito una grande e moderna casa nei pressi di Valle di Cadore, che diventa per gli Olivo luogo di ritrovo estivo e scenario delle lunghe escursioni tra le valli e le montagne. È qui che, l’8 settembre 1943, gli Olivo vengono colti dalla notizia della firma dell’armistizio.

Decidono così di restare in Cadore fino alla fine della guerra, dove nel 1945 nasce la figlia minore Paola. Oliviero, nel frattempo rientrato a Bologna per questioni di lavoro, riesce incredibilmente ad attraversare più volte la linea del fronte per raggiungere il resto della famiglia rimasta in Veneto.

LA BOLOGNA DEGLI OLIVOin città

Gli Olivo si erano trasferiti a Bologna nel 1932, in seguito alla nomina di Oliviero a professore ordinario nella cattedra di Istologia ed Embriologia Generale. È qui che nasce il primogenito Franco nel 1934 e poi Chiara nel 1936. La città fa spesso da sfondo alla vita famigliare degli Olivo, in luoghi simbolo per la cittadinanza bolognese come ad esempio i Giardini Margherita, ma anche meno frequentati dai più: è il caso, ad esempio, del cortile dell’Istituto di Anatomia, dove spesso gli Olivo si ritrovano con amici e colleghi.

 Molto interessanti sono poi le immagini girate da Oliviero presso l’asilo della figlia Chiara, le odierne Scuole Marconi, oppure le riprese stagionali dalle finestre della loro abitazione in via Mazzini 87.

ALPINISMOuna passione di famiglia

Oliviero è stato sempre un appassionato alpinista e scalatore, tra i primi a raggiungere il VI grado di difficoltà avendo percorso già negli anni tra il 1923 e il 1925 delle vie in solitaria sulla Cresta degli Invalidi. In seguito condividerà questa passione con la famiglia, soprattutto con la moglie Eletta e il figlio Franco, anche lui ottimo alpinista.

Nelle immagini del fondo non mancano dunque escursioni e scalate, ma anche i paesaggi, delle amate Dolomiti cadorine.